Pasqua 2020

635 270 Parrocchia San Fruttuoso

Guarda Cristo e la vita cambia

Versione Audio

Nessuno pensava di celebrare la Pasqua così. Eravamo abituati a consumarla in altro modo, anche con qualche superficialità. Magari tra noi la domanda era: dove vai a Pasqua? Una domanda così oggi è inutile. Stiamo in casa. Una  Pasqua vissuta in casa più che in chiesa, e per niente fuori.

Una Pasqua minore? Tutt’altro. Qui, o scopri l’essenza della Pasqua, o perdi tutto.

Amici è Pasqua: cioè l’incontro con il mistero della passione, morte e risurrezione del Figlio di Dio.

Pasqua inedita ma non meno vera. Le circostanze, mai banali, tantomeno queste dei nostri giorni, ci costringono e ci aiutano a stare sull’essenziale.

Cos’è la Pasqua cristiana? È Gesù che si dona tutto per amore, che ci lascia l’Eucarestia e il Sacerdozio, che soffre e muore nell’abbandono, che risorge portando tutta la novità di cui l’uomo ha bisogno. La Pasqua è l’amore di Dio per noi; è il riscatto dal nulla e dal peccato; è il nuovo inizio.Altro che un Dio lontano e vendicativo. Dio è Padre che per amore sacrifica suo Figlio e che continua ad essere con noi, a parlarci. 

Se sembra che Dio tace è perché l’uomo è sordo.

Nel mondo occidentale l’uomo ha parlato sempre meno con Dio e sempre più con se stesso, e così si è complicato il dialogo anche con gli altri. Quando uno parla troppo da solo, si convince di avere ragione, di capire tutto e si allontana dalla realtà. Oggi tutti parlano di tutto, anche senza competenze e spesso a sproposito.

Ma c’è il desiderio di conoscere la verità o piuttosto c’è il gusto di ascoltarsi?

Quanto più si chiacchiera tantomeno si dialoga e così c’è più confusione e smarrimento. Come a Babele. Dio non ha smesso di parlare ai suoi figli; ma i figli, come eterni adolescenti, non Lo vogliono ascoltare perché Lo considerano vecchio e pretendono di essere loro la verità. Ma Dio non ha smesso di parlarci; lo fa anche in questi giorni. A volte la sua voce è fragorosa, ma più spesso è brezza leggera.

Non si vuole imporre. Dio ama e rispetta la nostra libertà. Vuole essere amato da uomini liberi non da schiavi; ci vuole figli non dipendenti costretti. Anche sulla croce si propone con amore. La morte in croce di Cristo è garanzia della libertà dell’uomo, chiamato ad amare Dio, ma per scelta libera.

Dostoievski ne “I fratelli Karamazov” dice:

Tu non scendesti dalla croce quando per schermirti e per provocarti ti gridavano: scendi dalla croce e crederemo che sei proprio tu. Non scendesti perché, anche questa volta, non volesti rendere schiavo l’uomo con un miracolo, perché avevi sete di una fede libera e non nata dal miracolo. Avevi sete di amore libero

(Il grande inquisitore V)

Forse è anche per questo che nessuno ha potuto vedere il momento della Risurrezione. Quasi sarebbe stato un credere per forza. Invece le donne, i discepoli dovevano incontrarLo vivo. Gesù non è nel sepolcro. La pietra è stata ribaltata. Niente può fermare l’amore di Dio.

Nessun tentativo di metterLo a tacere per sempre, come han fatto i giudei e i romani, come han fatto nella storia fino ai nostri giorni quelli che sostengono l’inesistenza e l’inutilità di Dio, o l’indifferenza del Suo silenzio dentro le nostre miserie e le nostre tribolazioni.

No, Dio parla, Dio chiama, Dio ama, Dio condivide, Dio dà la vita per ciascuno, come per il preferito. E così ogni pietra, ogni “virus” non impedirà mai di cercarLo, ma non tra i morti.“Perché cercate tra i morti Colui che vivo? Non è qui. È risorto”.

Se “non è qui”, è ovunque.

Perciò “non temete!”.  È la tenerezza dell’Amore di Gesù con le donne impaurite e per i discepoli lontani e assenti. Quando l’angelo scende e fa ribaltare la pietra con la violenza di un terremoto, tanto da apparire come una folgore che acceca e stordisce, mette paura. Tramortisce le guardie. Hai un bel dire: “Voi non abbiate paura!”.  

Ma quando Lui, il Risorto, si fa presente con la sua tenerezza, nessuno si spaventa. Fa di tutto, si traveste da giardiniere, da pellegrino, pur di non farci paura. Perché Lui non è un morto che riappare, è il vivente che ha vinto la morte, che ha vinto il male.

Tutto, in questi tempi, urge salvezza, salute; aspettiamo con ansia che la vittoria del Risorto si manifesti anche ora. Come non mai sentiamo il bisogno, la domanda di rinascere, di ricominciare, di riaccendere la speranza, di un nuovo inizio, di desideri più veri e più grandi. 

L’esperienza che stiamo facendo e vedendo ci dice con evidenza che non ci si salva da soli, ma assieme; che deve essere più responsabile la nostra convivenza nella ricerca dell’essenziale. 

Per questo Gesù è Risorto: per stare con noi sempre, fino alla fine del mondo, assistendo la compagnia della Sua Chiesa, per confermarci nel dono reciproco della carità, nel condividere i pesi gli uni degli altri. Se gli uomini ritrovano il Risorto e Lo riconoscono, la vita cambia, soprattutto cambia lo sguardo su di sé, sugli altri, sulla realtà. Uno sguardo nuovo “oltre la mascherina”. Tanti medici e infermieri ci hanno testimoniato che se la mascherina rende indistinto il viso, rende più intenso il linguaggio degli occhi.

Se questa Pasqua, così diversa, sarà vera, lo diranno i nostri occhi, quando torneremo alla vita quotidiana.

Come fu per i due di Emmaus, quando i loro occhi si aprirono per riconoscerLo, quando nella barca Giovanni disse per tutti: “è il Signore”.

Ricordo il film “Marcellino pane e vino”. Soprattutto ricordo gli occhi di Marcellino, ma pure dei frati. Ecco dove nasce la novità della Pasqua, dove nascono la vita nuova, la morale nuova. Non dal non sbagliare più! Marcellino faceva tutte le corbellerie del mondo. Come Simon Pietro ne faceva di tutti i colori, però diceva: “Signore ti amo, lo sai”. Così Marcellino: l’ultimo suo pensiero era guardare a quel che faceva. Guardava Cristo! E questo, col tempo, l’ha reso capace di sentire gli errori e di scegliere il vero. L’accanimento del guardare Cristo vince su l’accanimento del fare quel che si vuole, o del continuare a vivere come prima.

Guarda Cristo e la vita cambia. È Pasqua, quella vera, quella cristiana: e Lui è qui!

Buona Pasqua.

Don Eligio

Preferenze sulla privacy

Quando visiti questo sito Web, è possibile che le informazioni nel browser vengano memorizzate da servizi specifici, in genere sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul sito e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Per questioni di performance e di sicurezza usiamo Cloufare.
required
Abilita/disabilita il tracking Google Analytics.
Abilita/disabilita Google Fonts.
Abilita/disabilita Google Maps.
Abilita/disabilita video incorporati.
Puoi cambiare queste impostazioni in qualsiasi momento nella pagina della Privacy Policy.
Per sapere di più sui cookie, visita l'apposita pagina.
Questo sito utilizza cookie, di cui la maggior parte di terze parti. Definisci le tue preferenze sulla privacy e/o accetta l'utilizzo dei cookie.